Tributario

Se il consulente è infedele in caso di accertamento basta la denuncia

di Fabrizio Cancelliere e Gabriele Ferlito

La causa di non punibilità prevista dall’articolo 6, comma 3, Dlgs 472/1997, consente la disapplicazione delle sanzioni irrogate, previa dimostrazione che il mancato pagamento del tributo è stato causato da un fatto denunciato all’autorità giudiziaria e addebitabile esclusivamente a terzi. Non è, invece, necessario che la denuncia abbia portato alla condanna del terzo con sentenza passata in giudicato. Sono i principi affermati dalla Ctr Sicilia, sezione staccata di Catania, con la sentenza 1288/13/2017 del 5 aprile scorso (presidente Arezzo, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?