Professione

Avvocati, il pregiudizio del cliente deve essere causalmente ricollegabile a negligenza

Andrea Alberto Moramarco

La responsabilità dell'avvocato non può affermarsi per il mero non corretto adempimento dell'attività professionale, ma è necessario verificare che il pregiudizio lamentato dal cliente sia riconducibile a tale condotta; che vi sia effettivamente un danno; e che vi sia un nesso eziologico tra la condotta e il presunto danno. Questo è quanto ribadito dal Tribunale di Roma con la sentenza 6170/2014 . La vicenda - Il caso prende le mosse da una opposizione avverso il decreto con ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?