Penale

Omicidio, la premeditazione si valuta sulla base di una verifica preliminare

di Silvia Marzialetti

Il giudice non può fondare l’aggravante della premeditazione valorizzando solo l’esistenza del rapporto conflittuale tra l’omicida e la sua convivente. La Cassazione dice la sua (la sentenza è la numero 41586 depositata ieri), sull’omicidio di Porto Ercole. Era l’ottobre del 2013 quando una donna ucraina di 47 anni venne strangolata dal suo convivente, un tecnico informatico. Reo-confesso l’uomo, 49 anni, confidò alle forze dell’ordine di aver gettato il corpo della vittima in una scarpata sull’Argentario. Arrestato dopo la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?