Penale

Senza dolo intenzionale niente abuso d'ufficio al sindaco che fa uscire il consigliere «molesto»

di Daniela Casciola

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Non è punibile per abuso d'ufficio il sindaco che toglie la parola e allontana un consigliere comunale che “disturba” se lo fa per mandare avanti i lavori e non per danneggiare il terzo. Conclude così la Corte di cassazione penale, con la sentenza n. 27794, depositata ieri.L'episodio era avvenuto durante la seduta di un consiglio comunale quando il sindaco aveva tolto la parola e disposto l'allontanamento dall'aula di un consigliere per avere questi dato lettura di un testo in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?