Penale

Calunnia, non scatta la falsa testimonianza per chi mente anche nel processo

Francesco Machina Grifeo

Ai fini della commissione reato di falsa testimonianza, non rileva che il teste abbia rilasciato dichiarazioni non veritiere all'interno del procedimento partito dalla sua stessa denuncia e successivamente rivelatosi calunnioso. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Taranto, con la sentenza del 20 marzo 2017 n. 163, affermando che in questo caso si applica la scriminante prevista dall'articolo 384 del codice penalesecondo la quale non è punibile chi abbia mentito per esservi stato costretto dalla necessità di salvarsi da ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?