Penale

Decreto citazione a giudizio, alla Consulta il mancato avviso sulla “messa alla prova”

Francesco Machina Grifeo

Il Tribunale di Bari, in un processo penale riguardante il decreto di citazione diretta a giudizio, ha rimesso alla Corte costituzionale la questione relativa al mancato avviso all'imputato dell'istituto della «la messa alla prova». Per il giudice Antonio Dello Preite, ordinanza 3 aprile 2017, «in base ad una interpretazione sistematica e costituzionalmente orientata dell'assetto normativo dopo la novella del 2014», il decreto di citazione a giudizio, «dovrebbe prevedere, all'articolo 552, 1° comma lett. 1), anche l'avviso che l'imputato, fino ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?