Penale

Non c’è reato se l’autista «privato» lascia la paletta esposta mentre accompagna l’assessore

di Selene Pascasi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Non può essere condannato, per possesso di segni distintivi contraffatti, chi si limiti ad esporre sul parabrezza, senza farne uso, una paletta con simbolo della Repubblica Italiana e dicitura Polizia Municipale. Lo marca il Tribunale di Torino, con la sentenza n. 5276 dell'8 novembre 2016. Accusato del reato, è un uomo che lasciava esposta la paletta in dotazione della polizia locale, sul parabrezza dell'auto, parcheggiata, in occasione della fiera del libro, nell'area riservata alle forze dell'ordine. Nel giudizio aperto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?