Penale

Per la divulgazione di materiale pedopornografico non basta scaricare files da Internet

di Giuseppe Amato

In tema di pornografia minorile, affinché sussista il reato di divulgazione di materiale pedopornografico di cui all'articolo 600-ter, comma 3, del Cp, non è sufficiente l'utilizzo per lo scaricamento di files da Internet di programmi di condivisione, quale il programma e-mule, giacché tale utilizzo, di per sé, in assenza di ulteriori elementi, non può implicare la volontà, nel soggetto agente, di divulgare detto materiale. Lo afferma la Cassazione con la sentenza n. 42433 del 2016. Il reato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?