Penale

Violenza sessuale con confini ampi

di Patrizia Maciocchi

Dopo la pacca repentina, la Cassazione bolla come violenza sessuale anche la «leccata repentina» sul viso. I giudici confermano la condanna a un anno e tre mesi a carico di un commerciante che, a suo dire, voleva soltanto umiliare la vittima. E lo aveva fatto toccandole il seno e, appunto, leccandole il volto dal mento al naso. Inutile per lui negare che con il gesto, fatto in presenza della sua compagna, volesse soddisfare un istinto sessuale. Per la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?