Penale

No alla cessione delle quote di maggioranza per evitare gli arresti domiciliari

di Giovanni Negri

Va bene la misura cautelare. Ma che non diventi un esproprio dell’imprenditore solo sospettato di turbativa d’asta. Così la Corte di cassazione, con la sentenza n. 23258 della Sesta sezione penale, depositata ieri, ha annullato l’ordinanza del tribunale del riesame di Roma con la quale venivano disposti gli arresti domiciliari nei confronti di un imprenditore per fatti di corruzione e turbativa d’asta. Tra i motivi di ricorso fatti valere dalla difesa, aveva trovato posto la contestazione della conservazione delle ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?