Penale

Sentenza di condanna, pubblicazione su internet più afflittiva e non retroattiva

Francesco Machina Grifeo

La pubblicazione della sentenza di condanna su internet, prevista a partire dal 2011 come l'unica modalità di pubblicità del provvedimento, deve considerarsi più afflittiva della precedente pubblicazione sui quotidiani cartacei e come tale non è retroattiva. Lo ha stabilito la II Sezione della Corte di cassazione, sentenza 5 maggio 2016 n. 18728, dichiarando inammissibile - in quanto peggiorativo - il ricorso di un uomo condannato per evasione fiscale che lamentava il fatto che la Corte di appello di Genova, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?