Penale

No all’omidio colposo se il medico sbaglia «seguendo» i colleghi

di Patrizia Maciocchi

Niente omicidio colposo per il medico a domicilio che sbaglia la diagnosi, appiattendosi sulle conclusioni dai colleghi che avevano osservato il paziente nel corso di un ricovero. La Corte di cassazione, con la sentenza 45527 , amplia il raggio d’azione della legge Balduzzi, che depenalizza la colpa medica lieve, estendendola anche ad addebiti diversi dall’imprudenza, precisando che «pur trovando terreno d’elezione nell’ambito dell’imperizia» può essere applicata anche quando in discussione sia la diligenza. Del principio beneficia qui ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?