Penale

La cella angusta non basta (da sola) per il risarcimento

di Fabio Fiorentin

Nessuna violazione delle norme europee sulla «detenzione inumana e degradante» se la riduzione degli spazi personali al di sotto dei tre metri quadrati è controbilanciata da altre condizioni del trattamento penitenziario come numero di ore di permanenza all’aperto, disponibilità di attività sportive, culturali e ricreative. È questa la motivazione con cui il magistrato di sorveglianza dell’ufficio di Siena ha negato con l’ordinanza del 24 luglio 2015, n.560 la violazione dell’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?