Penale

FAMIGLIA – Cassazione n. 28493

Commette reato l'amante che chiama la legittima moglie per informarla che il marito la tradisce. La molestia e l'intimidazione scattano anche se le chiamate erano state solo due e in realtà si era trattato di “conversazioni” non rifiutate dalla moglie che era rimasta al telefono circa mezz'ora. Per la Cassazione la lesività delle chiamate è nel loro contenuto: una rivelazione molto grave ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?