Penale

Pratica legittima «prenotare» la sosta

di Guglielmo Saporito

Grossi problemi per chi contesta la “prenotazione” del parcheggio, in attesa che giunga il titolare, quando cioè si chiede a un amico (o al passeggero) di occupare di persona uno spazio visto in lontananza. Se ne è occupata la Cassazione penale con la sentenza 19075 del 2015, ritenendo colpevole di lesioni l’automobilista che, indispettito dall’impropria prenotazione, ha urtato, seppur lievemente, chi manteneva il posto. Non si è dato peso alla convinzione dell’automobilista che riteneva che l’occupante si sarebbe spostato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?