Penale

Peculato per l'impiegata che intasca i soldi delle multe anche se non è pubblico ufficiale

Daniela Casciola

Peculato continuato - sebbene con un abbondante sconto di pena - all'impiegata della Polizia municipale che si appropriava del denaro con cui gli utenti le pagavano le multe falsificando le ricevute. Le somme non sarebbe state mai riversate agli uffici delle Poste.La Corte di cassazione con la sentenza n. 18015 della sesta sezione penale, depositata ieri, rigetta il ricorso della donna confermando la decisione della corte d'Appello, pur riducendo la pena della reclusione inflitta in secondo grado.Tra i ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?