Penale

Diffamati via web, sì alla querela tardiva

di Patrizia Maciocchi

Chi è stato diffamato via web può proporre la querela anche otto mesi dopo la pubblicazione “incriminata”, se ha appreso la notizia in un secondo momento da altri utenti. La Cassazione, con la sentenza 12695, ricorda che il reato di diffamazione è un evento che si consuma nel momento e nel luogo in cui i terzi percepiscono l’espressione ingiuriosa e dunque, nel caso di immagini o scritti lesivi messi in rete, quando il collegamento viene attivato. Un ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?