Penale

Il dipendente delle Poste che gestisce risparmi non è un pubblico ufficiale

di Patrizia Maciocchi

Il dipendente delle poste che si occupa di gestire i risparmi dei clienti non é un pubblico ufficiale e se si impossessa dei loro soldi, non può essere condannato per peculato ma solo per appropriazione indebita. La Cassazione, con la sentenza 10124, sgombra il campo da un equivoco alimentato da una copiosa giurisprudenza che considera il dipendente delle poste un pubblico ufficiale sia quando svolge un’attività bancaria sia nell’adempimento dei servizi postali. Un ragionamento viziato ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?