Penale

Rifiuto di atti d'ufficio per il primario che non firma la cartella

Francesco Machina Grifeo

Scatta il reato di «rifiuto di atti d'ufficio» per il primario che ometta la compilazione delle cartelle sanitarie dei pazienti. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 6075/2015 , confermando su questo punto la decisione della Corte d'appello di Catania contro il direttore del reparto di ortopedia di una cittadina siciliana. Natura dell'atto - La Suprema corte, che si è trovata davanti alla mancata firma di un «rilevante numero di cartelle cliniche», ha bocciato i rilievi della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?