Penale

La «disorganizzazione» della cancelleria giustifica la remissione nel termine

di Patrizia Maciocchi

Se il difensore è tratto in inganno da un'informazione sbagliata sul termine per impugnare, contenuta in un registro cartaceo ad uso esclusivamente interno della cancelleria, l'imputato deve avere una seconda chance per contestare il verdetto. La Cassazione, con la sentenza 37850 , fa rientare nelle cause di forza maggiore che giustificano la remissione nel termine, anche la "disorganizzazione" degli uffici giudiziari. Alla base del qui pro quo del legale c'era, infatti, l'irregolare tenuta di un registro cartaceo che, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?