Penale

L'investimento del cane: aggravante dei futili motivi per l'omicidio del tassista

Aggravante dei futili motivi e omicidio volontario per l'uccisione del tassista pestato a morte dopo aver investito il cane degli aggressori. La Cassazione con la sentenza 35417 mette la parola fine, dal punto di vista giudiziario, a una brutta pagina di cronaca. I giudici escludono la preterintenzionalità per la violenza dell'aggressione, tale da far prefigurare la morte e confermano l'aggravante dei futili motivi. La «vita di un uomo per quella di un cane è un movente che stravolge i ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?