Penale

Stato di insolvenza e successivo fallimento, se i creditori sono favoriti scatta il reato

di Rosanna Acierno

Il pagamento dei debiti sociali può configurare in capo agli amministratori responsabilità penali in caso di successiva dichiarazione di fallimento della società. Fino a quando la società versi in un momentaneo stato di crisi e non in uno stato di insolvenza permanente che possa consentire a chi ne abbia interesse a far dichiarare il fallimento dell'impresa, il pagamento dei creditori sociali da parte degli amministratori rappresenta un atto dovuto e del tutto legittimo. Al contrario, in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?