Penale

Per il reato di possesso di documenti falsi la flagranza non è necessaria

di Giulia Laddaga

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La Quinta Sezione della corte di Cassazione con la sentenza 17044 del 2014 ha affrontato il profilo di problematicità dell'espressione «trovato in possesso», utilizzata nell'articolo 497 bis del codice penale , introdotta dal Dl 144/2005, convertito nella legge 155/2005, che prevede, al comma 1, la condotta di chi si sia "trovato" in possesso di un documento falso, valido per l'espatrio.La problematicità emerge con riferimento alla vicenda sottoposta all'attenzione della Corte, in cui l'imputato, in attesa di soccorsi da ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?