Penale

Se non c'è piena disponibilità del bene pubblico allora non c'è peculato ma truffa

di Giovanni Negri

Risponde di frode e non di peculato il dipendente pubblico che falsifica mandati di pagamento, quanto all'iban di riferimento, trasferendo l'importo dei crediti dovuti alla pubblica amministrazione sui conti correnti propri o di altri complici. La Corte di cassazione, con la sentenza n. 31243 della Sesta sezione penale si sofferma sulle due diverse fattispecie di reato ascrivibili al dipendente della pubblica amministrazione. Viene così respinto il ricorso del pubblico ministero contro l'ordinanza del tribunale di Palermo (nel procedimento ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?