Penale

Tentato omicidio, no all'aggravante per futili motivi al padre islamico disonorato dalla figlia

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Non merita l'aggravante dei "futili motivi" il padre di fede islamica che cerca di uccidere la figlia diciassettenne, provando a soffocarla con una busta di plastica, perché lo aveva "disonorato" intrattenendo una relazione sessuale con un ragazzo italiano. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 51059/2013 , accogliendo parzialmente il ricorso dell'uomo. Il fatto I fatti erano andati così. Il giorno prima il tentato omicidio, il fidanzato, residente ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?