Parlamento e giustizia

La casa coniugale si assegna solo se ci sono minori

di Giorgio Vaccaro

Come confermato dal Tribunale di Milano (sentenza 2 marzo 2016) quando non ci sono figli minori, il vincolo dell’assegnazione della casa coniugale non ha ragione d’essere; in questo caso il destino della casa coniugale esula dalla competenza funzionale del giudice della separazione o del divorzio, per essere tema da discutere con un ordinario giudizio di cognizione. In tutti gli altri casi, il destino della dimora coniugale rappresenta, all’esaurirsi del progetto comune, il tema che più di altri spaventa, turba ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?