Penale

Documenti distrutti dal contribuente, va provato il dolo

Antonio Iorio

Non si può sostenere la responsabilità penale del contribuente che non si sia attivato nella ricostruzione della documentazione contabile dispersa a seguito del crollo di un edificio. Per la sussistenza di un reato tributario è, infatti, necessario il dolo che deve essere provato dall'accusa. Se ai fini fiscali la rettifica è ben motivata anche tramite presunzioni o accollando l'onere probatorio sul contribuente, per la responsabilità penale incombe sull'accusa la dimostrazione dell'esistenza della coscienza e volontà di evadere le ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?