Due interpretazioni sullo sfratto per morosità

LA DOMANDA Il conduttore di un immobile è stato sfrattato per morosità. Lo sfratto è diventato esecutivo l'11 febbraio 2014. L'imposta di registro per risoluzione del contratto a causa di sfratto dev'essere versata quando lo sfratto è diventato esecutivo o quando il conduttore lascia l'immobile a seguito dell'accesso con la forza pubblica? Per l'imposta di registro si dovrà pagare la somma fissa di 67 euro? Si deve, poi, inviare la comunicazione all'agenzia delle Entrate, per rendere noto che il contratto è risolto a causa di sfratto? La stessa comunicazione deve essere inviata al Comune dove è sito l'immobile ai fini dei tributi racchiusi nella " Iuc", imposta unica comunale (Imu, Tasi e Tari)?




A. Z. - MILANO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?