Almeno cinque giorni tra avviso e assemblea

LA DOMANDA Una raccomandata con avviso di ricevimento è stata spedita il 14 ottobre 2013, per convocare un'assemblea di condominio il 23 ottobre 2013. I condòmini lo ricevono la raccomandata e la ritirano il 17 ottobre, a eccezione di un proprietario, che riceve e ritira il 21 ottobre. Essendo l'amministratore inconsapevole di tutto ciò, il 24 ottobre 2013 si è tenuta l'assemblea in seconda convocazione. Giorni prima della scadenza dei termini prescrizionali, il condomino che ha ricevuto la raccomandata il 21 ottobre propone un'azione per l'annullabiltà dell'assemblea. Quale può essere una valida difesa da parte dell'amministratore, considerando che tutti i condòmini, a eccezione di uno, hanno ricevuto per tempo la raccomandata? E perché questo soggetto non ha fatto pervenire una missiva all'amministratore prima della seduta, lamentando la mancata informazione nei termini?Specifico che questo condomino è solito non ritirare la posta o la ritira con molto ritardo.




GIUEPPE VOTTO - BRINDISI

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?