Le conseguenze dei certificati antimafia

LA DOMANDA In un comune di 6mila abitanti il servizio di trasporto scolastico è stato aggiudicato a una società dopo che la Prefettura competente aveva rilasciato il certificato antimafia, evidenziando il tentativo di infiltrazione mafiosa. Considerato che dal 12 febbraio 2013 è venuta meno la distinzione tra certificazione antimafia tipica e atipica, il responsabile del procedimento, in sede di autotutela, è tenuto a revocare l'aggiudicazione del servizio? Esistono precedenti giurisprudenziali?




G. D. - SPARANISE

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?