L'immobile condonato e l'agibilità conseguente

LA DOMANDA Una persona acquista ad un'asta giudiziaria un deposito, categoria C/2, e presenta la richiesta di condono con cambio di destinazione in categoria A/3 indicando nella richiesta "abitativo" (in precedenza lo aveva ristrutturato con bagno, cucina eccetera, ma senza segnalazione preventiva all'amministrazione comunale, quindi abusivamente). Concesso il condono e pagati gli oneri, l'ex deposito diventa categoria A/3, abitativo. Per renderlo abitabile il Comune rilascia un permesso di "utilizzo per abitare", e non l'agibilità prevista dalle norme sanitarie. Quanto sopra è regolare? Può essere abitato un ex deposito divenuto categoria A/3 senza l'agibilità?




Antonio Luigi CHIODI - BRUGHERIO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?