Le spese di pulizia a carico di chi ne trae vantaggio

LA DOMANDA Nel nostro condominio c'è un androne all'aperto, al piano terra, che dà accesso a due negozi indipendenti e, al centro, la porta di ingresso al condominio, composto da una scala e cinque piani (con due appartamenti per piano). I due negozi sono indipendenti e non hanno accesso al condominio in quanto hanno loro scale private per raggiungere le cantine. L'androne esterno viene pulito da un'impresa di pulizie che svolge la propria opera prevalentemente nella parte di fabbricato al servizio degli appartamenti: androne interno al fabbricato, scale e pianerottoli dei cinque piani; l'androne esterno è illuminato da una lampada collegata al contatore generale del fabbricato. In assenza di espressa disposizione nel regolamento condominiale, come vanno ripartite le spese per la pulizia e per l'illuminazione, in particolare, per i due negozi che non hanno accesso all'ingresso del condominio e che quindi dovrebbero pagare una quota non proporzionale ai propri millesimi?




Carlo Maria RICCABONI - ASSAGO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?