Quando il fotovoltaico fa variare la rendita

LA DOMANDA Sono un privato, proprietario di un immobile abitativo, categoria A/7 (nove vani, 180 mq) con rendita catastale pari a 876,00 euro; si tratta di prima casa acquistata nel 2004. Nel marzo 2013 ho completato l'installazione di pannelli fotovoltaici (impianto integrato posto sul tetto del garage pertinenza dell'abitazione, accatastato C/2), per complessivi 6 kwatt. Come da normativa in vigore sul conto energia, percepisco un incentivo dal Gse sia per l'energia prodotta e autoconsumata, sia per quella prodotta ed immessa in rete. Non ho potuto avere anche il beneficio dello scambio sul posto. Ora, alla luce della nota 31892 del 22 giugno 2012 dell'agenzia del Territorio mi si pone il problema del trattamento catastale di tale impianto fotovoltaico; nel senso che vorrei sapere se e in che termini sono obbligato a dar conto al catasto di tale impianto.




F. A. - VERONA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?