Comunitario e internazionale

L’annuncio deve essere completo solo sul web

di Marina Castellaneta

La pubblicità di una piattaforma online diffusa sulla stampa può, se lo spazio è limitato, omettere alcune informazioni rilevanti. A patto, però, che il consumatore possa reperirle con facilità sul sito internet. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue nella sentenza depositata ieri (causa C-146/16) relativa a una società che gestisce una piattaforma di vendite online su cui alcuni venditori offrono prodotti. L’azienda aveva pubblicato una pubblicità su un giornale indicando il sito e un codice, ma non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?