Comunitario e internazionale

Soa, nessun obbligo di avere la sede legale in Italia

Francesco Machina Grifeo

La Corte Ue boccia la normativa italiana che obbliga le Soa (organismi di attestazione) ad avere la sede legale in Italia. Con la sentenza 16 giugno 2015, causa C-593/13 , i giudici di Lussembugo hanno chiarito che una previsione simile viola il principio della libertà di stabilimento. Il quadro normativo - La «direttiva servizi» 2006/123/CE vieta agli Stati membri, da un lato, di subordinare l'esercizio di un'attività di servizi sul proprio territorio al rispetto di «requisiti discriminatori» fondati ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?