Civile

Locazioni, nullo il patto orale che aggira il preavviso di recesso

Francesco Machina Grifeo

Nelle locazioni abitative è nullo il patto di recesso non scritto. Non può dunque trovare un riconoscimento giurisdizionale il supposto accordo orale tra proprietario ed inquilino in cui quest'ultimo al posto del preavviso di recesso, e del relativo obbligo di corrispondere ulteriori mensilità, abbia offerto il nominativo di un nuovo inquilino. Per cui il locatore potrà comunque chiedere al conduttore i canoni non versati. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, ordinanza 27 settembre 2017 n. 22647, accogliendo il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?