Civile

Quando il cognome materno resta al primo posto

di Selene Pascasi

Il cognome è sempre meno strumento di ordine pubblico e sempre più bene morale della persona ed elemento costitutivo della personalità. Di conseguenza, se la paternità nei confronti di un minorenne viene dichiarata successivamente al riconoscimento da parte della madre, il giudice deve prescindere da qualsiasi meccanismo automatico di attribuzione del cognome e decidere valutando l’esclusivo interesse del minore a «essere se stesso». È sulla base di queste considerazioni che il Tribunale di Napoli, con la sentenza 3583 del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?