Civile

Durata del processo: no all’equa riparazione se c’è consapevolezza dell’inconsistenza delle richieste

di Mario Finocchiaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'ansia e la sofferenza, che normalmente insorgono nella persona, quali conseguenze psicologiche del perdurare della incertezza sull'assetto delle posizioni coinvolte dal dibattito processuale e nelle quali si sostanzia il danno non patrimoniale per l'eccessivo prolungarsi del giudizio, restano in radice escluse in presenza di una originaria consapevolezza della inconsistenza delle proprie istanze, dato che - in questo caso - difettando una condizione soggettiva di incertezza, viene meno il presupposto del determinarsi di uno stato di disagio. Lo ha stabilito ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?