Civile

Sì al disconoscimento se il marito non sa dell'eterologa

di Patrizia Maciocchi

Il ricorso all’inseminazione eterologa all’insaputa del marito è, al pari dell’adulterio, un valido motivo sul quale fondare l’azione di disconoscimento di paternità. La Cassazione (sentenza 7965) accoglie il ricorso di un ex marito il quale affermava di non essere il padre del figlio nato nel ’96 dall’unione con la donna che allora era sua moglie. Due le circostanze in base alle quali l’uomo aveva acquisito la certezza di non essere il genitore del bambino. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?