Civile

L’avvocato che «sbaglia» paga solo se il cliente prova che avrebbe vinto la causa

di Selene Pascasi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La responsabilità dell'avvocato scatta solo se il cliente, oltre allo scorretto adempimento dell'attività professionale e al danno subìto, dimostri che, ove il legale avesse tenuto il comportamento dovuto, egli avrebbe, con tutta probabilità, vinto la causa. Lo afferma il Tribunale di Vicenza, con sentenza n. 2092 del 25 novembre 2016. Il caso - Protagonista, un legale citato per danni da una Srl sua assistita. La società, ancora in attivo, vantava circa 100mila euro di credito da una ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?