Civile

Sì al disconoscimento di paternità con la prova positiva del terzo

Francesco Machina Grifeo

L'accoglimento dell'impugnazione del provvedimento di riconoscimento della paternità naturale può avvenire anche sulla base del solo accertamento della condivisione del patrimonio genetico con un soggetto diverso, senza dunque dover necessariamente procedere alla comparazione con il Dna di chi precedentemente aveva effettuato il riconoscimento. Lo ha stabilito il Tribunale di Treviso, con la sentenza 7 ottobre 2016 n. 2457, accogliendo il ricorso della madre e disponendo il cambio del cognome del bambino, in un caso in cui il convenuto, cittadino ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?