Civile

Procreazione assistita, il figlio prende il cognome del padre in automatico

di Antonino Porracciolo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

I bambini nati a seguito di procreazione medicalmente assistita (Pma) hanno lo stato di figli generati nel matrimonio o riconosciuti dalla coppia. Di conseguenza, il marito che ha dato il consenso a quella pratica è per legge padre del bambino partorito dalla moglie e quindi non deve (né può) ottenere una pronuncia che accerti la sua paternità. Lo afferma il Tribunale di Caltanissetta (presidente Cammarata, relatore Gilotta) in una sentenza del 26 agosto 2016. Le parti in lite ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?