Civile

Il notaio può stipulare nello studio del parente

di Patrizia Maciocchi

Il notaio che occasionalmente e per comodità, stipula degli atti nello studio professionale di un parente, non viola il codice deontologico. La Cassazione (sentenza 24962/16) accoglie sul punto il ricorso di un notaio, “accusato” di aver violato la regola che vieta «la ricorrente presenza» presso «studi di altri professionisti ed organizzazioni estranee al notariato». Il notaio era finito nel mirino dei probiviri che gli contestavano due illeciti: l’essersi assentato nei giorni di presenza obbligatoria dalla sede principale per andare ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?