Civile

Licenziato il dirigente che valuta l’appalto del cognato

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

I dirigenti di società private devono astenersi dal partecipare alle commissioni aggiudicatrici degli appalti, nel caso in cui alle gare partecipino, tra le altre, imprese che hanno nella loro compagine un loro parente. In caso contrario è legittimo il licenziamento per giusta causa, come deciso dalla Corte di cassazione con la sentenza 21978/2016. Nel pervenire a questa conclusione la Cassazione ripercorre il proprio insegnamento sul contenuto della giusta causa di licenziamento, che è compiutamente determinata non solo in riferimento ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?