Civile

Per protestare l'assegno è necessaria la firma del titolare del conto

di Plus Plus 24 Diritto

Nei protesti di assegni bancari, se la firma di traenza indichi un nome completamente diverso dal titolare del conto corrente, tale che non sia possibile ingenerare nella banca trattaria il dubbio dell’apparente riferibilità dell’assegno a lui, non vi è ragione di elevare il protesto a suo nome: basta, per conservare l’azione di regresso contro gli obbligati, che il protesto sia levato a nome di chi risulta aver emesso l’assegno. Cassazione, sentenza 14 settembre 2016, n. 18083 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?