Civile

Agenti di commercio, provvigione minima con il recesso per giusta causa

di Rossana Cassarà e Alessandro Limatola

Secondo la Corte di cassazione l’agente di commercio che recede per giusta causa, perdendo per il futuro il minimo provvigionale garantito dal contratto individuale, ha diritto a esserne interamente e in misura equivalente risarcito quale mancato guadagno (quasi) certo, in base un giudizio prognostico spettante al giudice del merito, indipendentemente dal volume di provvigioni effettivamente conseguito, anche se inferiore a quello minimo. Il caso affrontato nella sentenza 17539/2016 riguarda un agente che ha convenuto davanti al giudice la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?