Civile

Spetta al comune provare che la vittima poteva evitare la buca

Francesco Machina Grifeo

In una causa di risarcimento per infortunio dovuto al manto stradale sconnesso, una volta accertato il nesso causale con il danno subito, la vittima ricorrente non deve anche dimostrare l'effettiva «pericolosità» della cosa. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con l'ordinanza 5 settembre 2016 n. 17625, chiarendo che in questi casi è onere dell'ente – in qualità di custode – dimostrare l'eventuale colpa, o concorso di colpa, del danneggiato per limitare la propria responsabilità. Al contrario, la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?