Civile

I dati vanno presi da tutte le fonti e non solo dai bilanci

di Angelo Busani e Alberto Guiotto

La controversia decisa dalla Cassazione con la sentenza n. 13719 del 5 luglio 2016 (si veda l’articolo a sinistra) riguardava l’efficacia protettiva del piano attestato, in caso di successivo fallimento, in presenza di vizi del piano stesso o dell’attestazione di cui all’articolo 67, terzo comma, lettera d), della Legge fallimentare. Nell’ambito di questi vizi, la curatela fallimentare aveva evidenziato la mancata verifica della veridicità dei dati aziendali da parte del professionista attestatore. Sul punto, la sentenza n. 13719/2016 ne ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?