Civile

Fondo patrimoniale: costituzione gratuita compiuta dai due coniugi

a cura della Redazione di Plus Plus24 Diritto

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Costituzione fondo patrimoniale -di cui all'art. 162 cod. civ. - Opponibilità ai terzi - Pubblicità - Annotazione a margine dell'atto di matrimonio – Necessità - Omessa annotazione – Responsabilità del notaio nei confronti dei proprietari dei beni conferiti nel fondo del danno da essi patito in conseguenza dell'inopponibilità del vincolo di destinazione ai creditori.
Il notaio che, dopo avere costituito un fondo patrimoniale, ometta di curare la relativa annotazione in margine all'atto di matrimonio, risponde nei confronti dei proprietari dei beni conferiti nel fondo del danno da essi patito in conseguenza dell'inopponibilità del vincolo di destinazione ai creditori, a nulla rilevando che sia stata comunque eseguita la trascrizione dell'atto, giacche' quest'ultima non rende la costituzione del fondo patrimoniale opponibile ai terzi quando sia mancata la suddetta annotazione, nemmeno nel caso in cui i terzi stessi ne avessero conoscenza.
• Corte cassazione, sezione III, sentenza 24 marzo 2016 n. 5889

Responsabilità patrimoniale - Atto di costituzione del fondo patrimoniale – Gratuità dell'atto – Condizioni di esperibilità dell'azione revocatoria ordinaria - Anteriorità del credito - Necessità - Successiva modificazione quantitativa dello stesso – Irrilevanza.
L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche se compiuto da entrambi i coniugi, è un atto a titolo gratuito, soggetto ad azione revocatoria ai sensi dell'art. 2901, primo comma, n. 1), cod. civ. se sussiste la conoscenza del pregiudizio arrecato ai creditori, il cui credito anteriore non può considerarsi estinto per novazione oggettiva a seguito della mera modificazione quantitativa della precedente obbligazione e per il differimento della sua scadenza, essendo a tale effetto necessari l'”animus novandi” e l'”aliquid novi”.
• Corte cassazione, sezione VI - 3, ordinanza 10 febbraio 2015 n. 2530

Famiglia - Atto di costituzione del fondo patrimoniale - Forma - Opponibilità ai terzi - Annotazione a margine dell'atto di matrimonio - Necessità - Trascrizione del vincolo - Funzione di pubblicità notizia.
La costituzione del fondo patrimoniale di cui all'art. 167 cod. civ. è soggetta alle disposizioni dell'art. 162 cod. civ., circa le forme delle convenzioni matrimoniali, ivi inclusa quella del quarto comma, che ne condiziona l'opponibilità ai terzi all'annotazione del relativo contratto a margine dell'atto di matrimonio, mentre la trascrizione del vincolo per gli immobili, ai sensi dell'art. 2647 cod. civ., resta degradata a mera pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acquisito altrimenti della costituzione del fondo.
• Corte cassazione, sezione III, sentenza 12 dicembre 2013 n. 27854


Responsabilità patrimoniale - Atto di costituzione del fondo patrimoniale – Condizioni di esperibilità dell'azione revocatoria ordinaria - Nozione lata di credito di cui all'art. 2901 cod. civ. comprensiva della fideiussione.

L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche quando é posto in essere dagli stessi coniugi, costituisce un atto a titolo gratuito che può essere dichiarato inefficace nei confronti del creditore, qualora ricorrano le condizioni di cui al n. 1 dell'art. 2901 cod. civ. Nell'ambito della nozione lata di credito accolta dalla norma citata, non limitata in termini di certezza, liquidità ed esigibilità, ma estesa fino a comprendere le legittime ragioni o aspettative di credito deve considerarsi ricompresa la fideiussione.
• Corte cassazione, sezione III, sentenza 7 ottobre 2008 n. 24757


© RIPRODUZIONE RISERVATA