Civile

Non va al coniuge la casa avuta in comodato da terzi

di Antonino Porracciolo

No all’assegnazione della casa familiare al coniuge separato con cui vive il figlio minorenne se l’immobile è stato concesso in comodato da un terzo e il contratto non prevede la destinazione del bene a residenza familiare. È quanto emerge da un’ordinanza del Tribunale di Aosta (giudice Colazingari) del 13 gennaio. Il provvedimento è stato pronunciato all’esito della fase presidenziale di una causa di separazione. Il giudice ha innanzitutto disposto l’affidamento condiviso del figlio minorenne «con collocazione prevalente presso la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?